Non so se da voi succede come a casa mia, ma qua c’è un traffico di libri non indifferente. Libri nuovi, libri regalati, libri da leggere, libri usati, libri prestati, libri venduti, libri buttati….a parte i soliti fondamentali che tengo nella mia libreria personalissima e cromaticissima tutti gli altri girano. Entrano e escono un po’ a loro piacimento e a mia noia. A volte capita che un libro che non mi piace lo tengo li, gli cambio posizione, ma poi se proprio proprio non va lo do via. Frequentare mercatini del libro è una delle mie passioni, un po’ da anziana se vogliamo, ma è un’attività che mi ha sempre permesso di scovare delle chicche, spesso antiche, spesso desiderate e troppo spesso fuori catalogo. Comprare libri usati poi aiuta a contenere i costi di lettura, visto che i libri ora hanno dei prezzi proibitivi soprattutto se si è dei lettori forti e affamati, così un po’ vai in libreria, un po’ ti butti sull’usato, un po’ investi in un e-reader per poter leggere gli ebook (che per me hanno anche il fondamentale pregio di concretizzare la logistica, spendere meno e poter leggere in condizioni estreme dove i libri col cazzo che li leggi). Ma io come sempre ho voluto strafare e anni fa iniziai a cercare luoghi online che mi potessero far scambiare e/o vendere libri online senza alzare il mio regale sedere dalla sedia. I siti sono tanti, soprattutto siti di SWAP (che vuol dire baratto, ti do una cosa in cambio di un’altra) più o meno seri e più o meno che funzionano. Ne ho scelti per voi solo alcuni di questi, credo i principali. Provo a descriverveli un po’ e a raccontarvi la mia esperienza in merito, tenendo sempre conto del fatto che amo quelli dove il contatto umano è ai minimi termini…e il mio spirito orsetto ringrazia!

bookmooch_logo

Bookmooch.com:  è il sito di swap books che uso di più e da più tempo. Ho una cosa tipo 500 scambi e rotti dal 2010 in poi. Su questo sito il baratto dei libri avviene attraverso l’accumulo di punti: più libri carichi e più libri spedisci più punti accumuli. A quel punto è possibile accedere al database comune e scegliere un libro che ti interessa dando in cambio 1 punto. La spedizione avverrà poi in via. La comodità di questo sito sta nel fatto che per ottenere il libro che ti interessa ti basta avere almeno un punto che verrà versato al proprietario del libro nel momento in cui questo accetta la proposta: non necessita di contatti email (se non per eventuali specifiche o richieste), non è necessario dare “un libro per un libro” ma soprattutto nel caso non si riceva il libro per vari motivi – dal non è stato spedito, al è andato perso in posta – su richiesta Bookmooch riaccredita il punto che hai usato. bookmooch-2

 

Ovviamente va tutto in fiducia e per questo ci sono i feedback che dovrebbero garantire un minimo di serietà. Senza timore di esagerare, posso dire che questo è il metodo di swap libri che preferisco. Asettico forse, poco legato al contatto con l’altra persona ma sicuramente efficace. Io ho trovato molti libri che di solito devo cercare nei mercatini, edizioni particolari o volumi fuori catalogo che mi sono serviti per finire delle collane.
soloscambio-it

Soloscambio.it: ci ho provato, giuro, ci ho provato. Ma è un sito di baratto in generale per cui spesso non si trovano libri decenti. Non essendo finalizzato solo allo scambio libri, ecco che l’utente medio lo usa spesso per svuotare la cantina o sistemare i pensili del bagno, per cui per una bellissima edizione di Umberto Eco (che magari vuoi scambiare dando a qualche altro amante dei libri la possibilità di averlo) ti viene proposto in scambio una scatola già aperta di cottonfiocc. Il tenore è un po’ questo, per cui basta poi immaginare come l’utente medio non stia a specificare maniacalmente l’edizione del libro o che utilizzo ne ha fatto e il suo stato.  Io ci ho scambiato veramente poco, è troppo dispersivo e poco settoriale, e spesso mi sono arrivati libri scarabocchiati o con pagine mangiate da qualche caimano. Anche qua c’è la possibilità di dare dei feedback ma è proprio il sistema che lascia il tempo che trova.

accio-logo

Acciobook.it: il nome è fantastico!!Già solo per la potteriana memoria e la scelta estetica del logo e dei font della pagina me l’ha fatto piacere, cosi mi sono iscritta (ma solo recentemente) e ho fatto un solo scambio, quindi non so ancora in che modo avvenga. C’è la possibilità di ricercare i libri che vuoi mettere allo scambio nella tua pagina personale e nel caso che non ci siano di inviare una scheda dettagliata per farli inserire; dopo di che devi girare e col motore di ricerca digitare i titoli che ti interessa avere per vedere chi li scambia. Il contatto non avviene in modo automatico, ma tramite una mail e il sistema è sempre un libro x un libro, quindi se all’altra persona gli fa schifo quello che hai nella tua pagina ti rifiuta lo scambio. E’ un sistema divertente il primo giorno, annoiante il secondo, frustrante il terzo giorno.

comprovendolibri.it.png

Comprovendolibri.it: è un sito essenzialmente di vendita libri ma può anche essere usato per lo swap. Basta specificarlo nelle note. Anche questo un sito molto interessante per la ricerca di libri fuori catalogo o per edizioni particolari ma essenzialmente come vendita. Neanche da dire per molto tempo ho provato prima a vendere su questo sito prima di dedicarmi allo swap e ho contrattato con soddisfazione almeno un centinaio di compravendite, e anche su questo sito sono fondamentali i feedback anche se, trattando anche vendite, non mettono al riparo da eventuali truffe.

libraccio-logou

Libraccio: è un po’ il mio amore quando voglio comprare libri. Spesso trovo libri anche recenti come “usato” a metà prezzo e in condizioni ottime, alcune volte mai aperti! Per me che sono maniaca e trovo mostruose le persone che aprono troppo i libri o fanno le “orecchie” alle pagine è una gran soddisfazione! Questo però mi capita con l’acquisto di libri usati online: a volte ci mettono un po’ ad arrivare i pacchi, ma di contro hanno un servizio clienti e un servizio di reso molto valido, testato personalmente. Una volta mi è arrivato un cartone tutto aperto da un lato con un taglierino, l’imballo in plastica sgonfiato e una copertina tagliata col cutter. Avevo capito fosse stato un tentativo del corriere di manomettere il pacco per vedere cosa conteneva (che poi che cavolo vuoi che contenga un pacco con scritto LIBRACCIO grosso come una casa?!?!) ma io ho contattato il servizio clienti mandando foto che documentavano l’accaduto e non solo si sono scusati ma hanno provveduto a ritirare il libro malandato e rispedirmelo NUOVO (io avevo comprato un Sellerio usato). Libraccio lo trovo molto interessante anche per la vendita online dei libri. Basta essere iscritti, trovare il pulsante giusto, e in base al codice ISBN del libro, il sito vi dice già se il libro è acquistabile e vi dà due prezzi: uno standard se volete un accredito su paypal o cc e uno supervalutato se volete un buono da utilizzare online sul sito. Va da sé che io scelgo sempre questo.  Accettano la spedizione dei libri almeno al raggiungimento dei 15 euro, vi mandano lista e lettera di vettura e a voi costa solo chiamare l’SDA a casa o, come me, portarglieli direttamente e in poco tempo avrete un buono spendibile online.

Detto questo, se non siete germofobici all’idea di tenere in mano libri usati da altri e volete risparmiare un po’ io un giro su questi siti ce lo farei. Si trovano belle cose, se si ha voglia di scovarle.

finale

Annunci